Lunga vita al Re

Chi ha visionato le mie opere ha potuto notare una mia speciale predilezione per un animale che non è un semplice animale, ma una semplificata, perfetta, maestosa rappresentanza di regalità e fascino: il leone.

Ho avuto modo di dipingere digitalmente varie versioni di Panthera Leo. Usando Photoshop, Corel Painter e Rebelle, (software per la digital art) e dando sfogo ad ancestrali infarinature sulla figura del leone, ho optato per delle versioni in stile acquerellistico (licenza poetica) immaginando di “schizzare” sulla tela la criniera come lampi di energia e colore. La figura del leone rappresenta l’orgoglio e forse è per questo che ha sempre captato il mio interesse al di là della forma.

Oltre all’argomento prettamente animalista che rappresenta  (ritenuto il RE degli animali), il leone ha una storia più complessa e multiculturale in ambito araldico, architettonico e religioso. Menzionato nella mitologia greca (il leone di Nemea con cui lotta Eracle, poi vincente, oppure i leoni che trainano il carro di Rea e Demetrea), in quella egizia (Sekmeth, dea della guerra dalla testa di leonessa, e la sfinge), nella Bibbia (numerose sono le citazioni tra il simbolo di Gerusalemme che era il Leone di Giuda, simbolo della stirpe di Davide; il ruggito da leone a cui era paragonata la parola di Dio nel libro di Amos; e varie altre numerosissime citazioni tra cui il leone di San Marco o la ricomparsa della simbologia del Leone nell’Apocalisse di Giovanni) e praticamente in ogni mitologia, cosmogonia e antica storia di ogni tribù del pianeta Terra, il leone è impossibile da non portare con sé negli esempi, nei caratteri, nelle virtù ma anche nei difetti.

Qui ho voluto rappresentare il leone (o meglio il suo bel faccione regale e potente) in acquerello, mentre in quest’opera ho giocato un po’ con vari stili di painting dando anche una zampata finale sul viso dell’animale.

Leonessa in dipinto digitale

“Kamuniak” e l’intreccio dei mondi nel mondo

Ovviamente non c’è solo il re ma anche la regina con il suo fascino colmo di dignità, potenza, regalità ed eleganza. Ho voluto dipingere digitalmente un omaggio ad una leonessa, Kamuniak (colei che è benedetta), che viveva in Kenya, nella riserva nazionale del Samburu e un giorno ha deciso di dare sfogo a tutto il suo istinto materno adottando e proteggendo un cucciolo di orice, già comunque in possesso di una madre naturale che Kamuniak si premurava di difendere dagli attacchi dei predatori mentre allattava il cucciolo. L’illustrazione della fiera e amorevole leonessa è rappresentata a guardia della simbologia dell’intreccio dei mondi animale, vegetale e umano.

Eclisse di Luna sul mare a Torre S. Andrea (Le)mmontinari.it
Cani nella nebbiammontinari.it
S. Isidoro nell'ora blu con luna e Venere che danno spettacolo in cielommontinari.it
mmontinari.it
Leone in acquerello digitalemmontinari.it
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *